Mariella Alberini​​
Giornalista e Scrittrice
Transiberiana in Nero

“Transiberiano in Nero” 

Collana Russa
Anno di pubblicazione: 2012 
Casa editrice: Macchione Editore 
Prefazione: Umberto Veronesi 

Riassunto
Una nevicata notturna su Smolensk dopo una caldissimagiornata di luglio. Un incendio all’interno del Centro di Ricerca Ambientale sull’Altipiano di Anadyr non lontanodalla costa del Mar di Ciucki. AMosca, un uomo viene assassinato sulla scala mobile che conduce alla stazionedella metropolitana Kievskaja  sotto gliocchi di Alina, una giovane ricercatrice universitaria di meteorologia. Laquale poi si imbraca sul la Golden Eagle, il treno-crociera-vip dellaTransiberiana che parte dall’antica stazione Yaroslav a Mosca e,attraverso  quell’immenso territorio  arriva fino a Vladivostock e a Pechino.Incomincia così il 4° romanzo della saga russa di MariellaAlberini. Un viaggio indimenticabile sul lussuoso treno-crociera che pochi hanno potuto realizzare.  Su quel trenoazzurro,  sale l’ambasciatrice ElenaSkutova per una vacanza-studio del pianeta Russia. Ma Alina sparisce a NiznyNovgorod lasciando scritte poche parole di aiuto e, subito dopo, una giovanesignora viene assassinata nella sua elegante cabina.  Altri delitti seguiranno sulla Transiberianache attraversa i meravigliosi paesaggi siberiani descritti dall’autrice consensibilità da ecologa. Fanno parte dell’ intrigo anche l’agenzia di spionaggioper l'estero della Gran Bretagna, nota con il nome di MI6 (MilitaryIntelligence, Sezione 6)  e le faticoseindagini del commissario Inkine che ha piazzato due detective in un vagonetrasformato in ufficio di Polizia.  Sulla Golden Eagle viaggiano ricchissimi turisti stranieri (il prezzodel biglietto é da capogiro), e il Servizio per la Sicurezza Federale (l’FSB, che ha sostituito il KGB, l’Intelligence sovietica) ritiene opportuno intervenire. Dentro la storia ci sonopiccoli, interessanti camei di grande attualità politica e dell’antico passatoche si fondono con il crogiuolo di razze presenti sull’immenso territorio dellanuova Federazione Russa.La storia, intrigante e colma di mistero, si fa leggere d’unfiato . Esiste un legame con il passato e c ’è di mezzo  il grande Sergej Ilic Witte, ideatore edesecutore della Transiberiana per ordine dello Zar N icola II.  Un’opera titanica  attraverso l’immenso territorio siberiano, acosto della  vita di decine di migliaiadi lavoratori morti di malaria, tbc o per gli assalti di feroci predatori comela tigre altaica, gli orsi bruni, i cinghiali e tutte le specie di rettili velenosi all’epoca dominatori incontrastatidi quelle lande selvagge.  In questothriller tinto di noir, non manca una spedizione nella foresta siberiana neiparaggi dell’insondabile Lago Baikal, durante la quale  viene ritrovato un diadema di valoreinestimabile rubato alla zarina Alexandra e una favolosa eredità che provieneda un passato lontano .  Ma su tutto,domina il testamento dello statista Sergej Ilic Witte.  Fra un delitto e l’altro, il treno fa tappa aTobolsk, Tomsk , Khabarovsk e altre città che l’autrice sembra conoscere comele sue tasche.  E  vi traspare il suo profondo interesseper  il pianeta Russia.  Facciamo la conoscenza di personaggi cosìveri che potremmo leggere le loro storie sui giornali di domani mattina. Enaturalmente incontriamo di continuo Elena Skutova e Sergheij Andreev, iromantici protagonisti principali  diquesto thriller tinto di noir, nel quale si fondono politica e avventura. E dei tre precedenti romanzi di questa straordinaria saga russa.
Synopsis
Milan Airport- An attractive young journalist, Ariel, and a handsomestranger meet in the lounge. They end up sitting next to each other on theflight to London.Once in London, they arrange to meet up the following evening.Passions run high and inevitably the couple end up in bed.Nextstop for Ariel  is New York where shestays with some old friends. Here she plans to meet the local jet set and maybe interview some famous people even the Mayor of New York.Meanwhilethe handsome stranger, John Khanlary Taggert, known as Khanlary, and ofAmerican/Persian origin is in Casablanca, where he meets an old friend RezaCiro Pahlevi, the Shah of Persia’s son. Backed by the CIA, the two plan tooverthrow Ayatollah Khomeni and put the Shah back on the throne. In doing so,John Taggert will also revenge his sister’s death. She was a lawyer fightingfor women’s rights in Iran. This had caused her to be killed by the Ayatollahregime . A military group led by Reza Ciro is already preparing for such anassault.Backin New York, Ariel is among  the partyingjet set and manages to secure some interviews and important meetings. John isalso in New York. While he is waiting to meet up with a CIA agent to finalizehis plans, he is surprised to see Ariel outside the same bar. Khanlary revealsparticulars about his life and tells her about his futures plans. Once againthey succumb to their passion.However,despite these “distractions”, Khanlary meets up once again with the CIA agentwho tells him that he has to continue on his own and will have no help from theCIA. Ariel,on the other hand, realises that she has a dilemma: should she  convince Khanlary to give up his plans orshould she help him to fulfil them?Adecision made more difficult by the fact that he gives her a magnificent diamond and emerald brooch before yet anotherparty.  The situation becomes moredramatic when after the reception, an attempt is made on Khanlary’s life andonly Ariel’s quick intervention saves his life.Themilitary operation is suspended. Ariel and Khanlary go on holiday to St Moritizat first, unaware that Iranian agents are keeping them under constantsurveillance. When Khanlary finally realises they are being watched, it isarranged for two substitutes take their places so they can leave the countrywith no problems.Meanwhileplans for the assault are still continuing. Ariel undergoes a radicaltransformation so that she won’t stand out during the military operation. Thereshe follows preparations at the training camp. However the Iranian secretpolice are still keeping an eye on the couple and have secret agents within therebel group. One of these is Fatima, a beautiful new employee who tries toseduce Ariel in order to get information out of her. Ariel is obliged to killFatima when she discovers that she is actually a secret agent working for theIranian secret police.Themilitary operation begins with various attacks on strategic points. Not all aresuccessful and some men die in the attempt. Despite some of the group trying towarn the others that something is amiss, the leaders of the group, includingKhanlary and Ariel, are captured and taken away to be questioned. Theircapturers,however are not the secret police but another group against the Khomeniregime. Some of the group members are tortured and executed in an attempt tomake the others talk. In fact, Ariel breaks down and tells themeverything.  The rebel leader likes theirplan. Not long after, Iranian soldiers attack the camp but Ariel and the leaderof the rebel group manage to escape. The aim of both groups is to destroy theKhomeni regime so despite mistrusting each other they decide to join forces.Ariel finds herself attracted to the leader of this new group, Eskander, andunder the influence of drugs has a wild lovemaking session with him. Arielreflects on her situation. Who will she choose? Will she stay in Iran and raisea family with Eskander? Her relationship with Khanlay is not so clear.Theday of the assault is drawing near. Eskander is hoping that the mission will besuccessful but also that his rival in love will die in the attempt.Themen set off to kill Ayatollah Khomeni. All is quiet. They find “ Khomeni ” athis desk. What they don’t expect is that this is only a stand-in as the realKhomeni had died a month before. He is killed just the same.Arielis asked to leave the room so her two rivals in love can be alone. Khanlarykills his arch rival and then his rival’s two bodyguards. He leaves the bodiesnear the “stand-in” ‘ s so they will be blamed for the massacre. Khanlaryand Ariel manage to escape into Turkey though Ariel is delirious with a highfever and keeps repeating Eskander’s name. From there they are picked up by ahelicopter.  Finale– this time Fiumicino International airport – a couple saying goodbye. Arieland Khanlary. Khanlary realises that he can’t live without  her but Ariel is making no promises and fliesback to Milan.Onthe plane she reflects on her adventure. In her bag there is the emerald broochfrom Khanlary.Eskander  didn’t give her any jewels but something justas precious. Both are nothing more than dust.Anyway tomorrow is another day.    
Prefazione
Molti progetti  sono vivi e pieni di energia quando sono ancora poco conosciuti, liberi, spontanei e spesso geniali.  Per identificarli servono le antenne che hanno solo certe  persone amanti della vita e vogliono conoscerla davvero, non per sentito dire.  Sempre curiose e  “libere dentro”. Per capire le novità non bisogna farsele raccontare da qualcuno ma è necessario andare, muoversi, essere presenti, discutere e guardare negli occhi. Mariella è sempre stata così. Ecco perché tutti i suoi articoli ci fanno capire davvero quello che sta succedendo. Mariella non si ferma mai. In un’altra vita e con un altro lavoro avrebbe scoperto per prima le qualità di Buzzati o di Pirandello quando erano ancora all’asilo e vergavano le prime aste. Ecco,  quando una giornalista con queste qualità scrive un romanzo (con  questa “Transiberiana in nero” siamo arrivati al quattordicesimo) sembra di leggere il resoconto di qualcosa che è realmente successo il giorno prima. E come sempre lei era lì. Era presente, ha visto, ha capito,  e adesso ce lo racconta. Si parla di attentati meteorologici (la nevicata notturna in piena estate su Smolensk e l’incendio di un Osservatorio scientifico nei pressi del Mar di Ciucki, provocato a distanza di migliaia di chilometri), una formula assolutamente inedita del nuovo partito “Madre Russia” per dare battaglia a Putin e manipolare le elezioni che si terranno in Russia nel 2014.  Si parla di un efferato delitto in una  sfarzosa cabina della Golden Eagle (il treno di lusso della Transiberina Mosca-Vladivostock-Pechino),  nella quale una giovane signora russa viene uccisa e il marito inglese, viene avvertito tramite Scotland Yard. Altri delitti seguiranno sulla Transiberiana che attraversa i meravigliosi paesaggi siberiani descritti dall’autrice con sensibilità da ecologa. Fanno parte dell’ intrigo anche l’agenzia di spionaggio per l'estero della Gran Bretagna, nota con il nome di MI6 (Military Intelligence, Sezione 6)  e le faticose indagini del commissario Inkine  che ha piazzato due detective in un vagone trasformato in ufficio di Polizia.  Sulla Golden Eagle viaggiano ricchissimi turisti stranieri (il prezzo del biglietto é da capogiro), e il  Servizio per la Sicurezza Federale (l’FSB, che ha sostituito il KGB, l’ Intelligence sovietica) ritiene opportuno intervenire. Il Capo della Polizia fa notare  al Vicedirettore del FSB che il Direttore Generale delle Ferrovie forse avrebbe protestato. Risposta: “Gli dica che venga a protestare alla Lubyanka: vedrà che si zittisce subito perché se la fa nelle mutande al solo pensiero di mettere piede qua dentro.” Questa è la reazione di Prochine, il Capo dell’ Fsb. Lui è un personaggio del romanzo, ma non dimentichiamo che nella realtà Vladimir Putin è assurto a Direttore del Fsb dal luglio 1998 all’agosto del 1999 dopo una lunga carriera nel KGB. Dentro la storia ci sono piccoli, interessanti camei: nel  2010 la Borsa di Ulaan Botor, capitale della Mongolia,  è cresciuta del 138% ; in Russia (come in Italia) quelli che hanno ruoli istituzionali viaggiano “gratis”, perfino sugli elegantissimi vagoni della “Golden Eagle”; i gruppi etnici  riconosciuti ufficialmente dalla Repubblica popolare cinese sono 56; un professore, famosissimo scienziato  ha solo 38 anni, il direttore del Centro Meteorologico di ricerca più segreto della Federazione Russa ne ha 35, e il Rettore dell’Università di Stato a Mosca è giovane anche lui, ha meno di quarant’anni. Chissà se questo “ largo ai giovani” è solo romanzo o è qualcosa che Mariella ha notato nei suoi frequenti viaggi nella Federazione Russa?La storia, intrigante e colma di mistero, si fa leggere d’un fiato: non manca una spedizione nella foresta siberiana nei paraggi dell’insondabile Lago Baikal, durante la quale  viene ritrovato un diadema di valore inestimabile rubato alla zarina Alexandra. Fra un delitto e l’altro, il treno fa tappa a Tobolsk, Tomsk, Khabarovsk e altre città che Mariella sembra conoscere come le sue tasche. Facciamo la conoscenza di personaggi così veri che potremmo leggere le loro storie sui giornali di domani mattina. E naturalmente incontriamo di continuo Elena Skutova e Sergheij Andreev, i romantici protagonisti principali dei tre precedenti romanzi della straordinaria saga russa. Adesso, dopo questo thriller tinto di noir, nel quale si fondono politica e avventura,    non ci resta che aspettare il quindicesimo romanzo della vulcanica Mariella e (finalmente!) il film con Elena e Sergheij (… altro che James Bond!).  


Umberto Veronesi      
Recensione
Transiberiano%20in%20nero
Creare un sito web